14 febbraio 2008

DALLA MORTE ALL’ORGASMO. Ah, se la vita girasse al contrario!

La vita? Dovrebbe essere vissuta al contrario.

Tanto per cominciare si dovrebbe iniziare morendo, e così tàcchete, il trauma è bello che superato.

Quindi ti svegli in un letto di ospedale e apprezzi il fatto che vai migliorando giorno dopo giorno.

Poi ti dimettono perché stai bene, e la prima cosa che fai è andare alla posta a ritirare la tua pensione, e te la godi al meglio. Col passare del tempo le tue forze aumentano, il tuo fisico migliora, le rughe scompaiono.

Poi inizi a lavorare, e il primo giorno ti regalano un orologio d’oro. Lavori quarant’anni finché sei così giovane da sfruttare adeguatamente il ritiro dalla vita lavorativa.

Quindi vai di festa in festa, bevi, giochi, fai sesso, e ti prepari per iniziare a studiare. Poi inizi la scuola, giochi con gli amici, senza alcun tipo di obblighi e responsabilità. Finché non sei bebè.

Quando sei sufficientemente piccolo, ti infili in un posto che ormai dovresti conoscere molto bene.

Gli ultimi nove mesi te li passi nuotando tranquillo e sereno, in un luogo riscaldato, con servizio di camera e tanto affetto, senza che nessuno ti rompa i coglioni.

E alla fine abbandoni questo mondo in un orgasmo.
WOODY ALLEN

JAZZ. Il grande virtuoso del pianoforte jazz Oscar Peterson, canadese, superlativo solista e accompagnatore, celebre per il suo fraseggio veloce e fittamente ricamato, lo swing, e le "fughe" interminabili dei suoi assoli, è scomparso il 23 dicembre scorso. In suo ricordo ripropongo un concerto dal vivo a Tallin (capitale dell’Estonia, allora abusivamente considerata Russia, anche nelle discografie), insieme col bassista danese Niels-Henning Orsted Pedersen, in Just Friends.

Etichette: ,

2 Comments:

Anonymous ivana said...

Bellissimo! Mi piace quando l'uomo che andando a ritrovo entra nella vagina-utero, una via che dopo tutta una vita di sesso "dovrebbe ormai conoscere bene"...:-))
In effetti una vita al contrario sarebbe più razionale. Invece ora tutte le scelte importanti le facciamo senza essere esperti...

11 marzo 2008 15:15  
Blogger SenzaPanna said...

A parte che questa cos a mio nonno la diceva (non così particolareggiata) già negli anni 60, quindi credo prima di W. Allen... ma a parte questo dicevo, sono rimasta folgorata dal tuo blog.

Non mi prendi in giro vero'

Esisti davvero?
Nell'88 ho comprato il tuo libro Mangiare Italiano e proprio oggi l'ho citato al volo nel mio blog. Poi mi sono detta, figurati se su google non lo trovo in vendita on line così lo linko. E invece sono incappata nel tuo blog!!!

A parte il fatto che credevo che tu avessi qualcosa come 80 anni quando ho comprato il libro, ma non puoi capire lo stupore. Io ti cito sempre quando parlo con qualcuno di cucina, della cucina vera del mediterraneo.

Non è possibile, ho il libro di fianco a me e tu sei lì su internet.
E' stato quasi come scoprire che la befana esiste davvero...

Ma quanti anni hai?

Perdonami l'invasione ma non puoi capire il mio stupore.


Daniela

17 marzo 2008 22:10  

Posta un commento

<< Home